Innovazione e sicurezza: il binomio della Tesoreria di Helvetia Italia

Potenziare le funzionalità di Tesoreria con un focus sui pagamenti

Nel 2008 Helvetia esprime a Piteco l’esigenza di ottimizzare i processi finance per ottenere una previsione analitica dei flussi di incasso e pagamento, controllare sistematicamente le condizioni bancarie applicate per il calcolo degli oneri e dei proventi finanziari, automatizzare il passaggio in contabilità eliminando i conti transitori e gestire la complessità dei movimenti intercompany.

Negli anni, l’aumento del volume delle operazioni bancarie – 1.420.000 nel 2020 – ha reso evidente l’esigenza di ottimizzare la gestione dei mandati di pagamento processati dalla Tesoreria e provenienti dai diversi Uffici e governare i flussi autorizzativi sulla base delle procure e delle deleghe esistenti.

Il volume elevato di mandati di pagamento cartacei gestiti a quel tempo richiedeva l’utilizzo di applicazioni specifiche di ultima generazione in grado di soddisfare le molteplici esigenze degli attori del processo. La dematerializzazione dei pagamenti e la loro messa in sicurezza rappresentava una priorità operativa per una compagnia assicurativa di respiro internazionale. Franco Muzzolon, Head of Treasury Gruppo Helvetia Italia

Una dashboard per la gestione di tutti i flussi dispositivi

Da strumento di gestione delle disposizioni di pagamento a dashboard per la gestione globale di tutti i flussi dispositivi da e verso il sistema bancario nazionale e internazionale: il tool Piteco Corporate Banking Communication gestisce in modo preciso e time-to-market i flussi generati da uffici diversi – Risorse Umane, Fiscale, Contabilità Fornitori, Technical Accounting, Investimenti – ognuno con le proprie specificità in termini di gestione dei livelli autorizzativi.
Inoltre, la flessibilità della soluzione consente la gestione automatica degli esiti di mancato buon fine della liquidazione degli indennizzi (vitale per una Compagnia Assicurativa che deve rispettare vincoli temporali di liquidazione stabiliti dall’ente regolatore), la gestione dei flussi di insoluto SDD, gli alert in caso di errori riscontrati dai sistemi di colloquio con le banche che richiedono immediata attenzione e gestione della Tesoreria, l’automazione dei flussi di caricamento degli estratti conto giornalieri.
Anche la comunicazione verso le controparti bancarie è ben gestita dal tool CBC: Piteco ha consentito alla Tesoreria del Gruppo Helvetia la gestione contemporanea di molteplici connettori: verso la banca proponente CBI, verso un provider dedicato alla gestione SDD, direttamente verso una banca passiva, anche per fini di backup.

CBC: dematerializzare, automatizzare, controllare

All’interno dei processi di generazione, autorizzazione e invio al sistema bancario delle distinte di pagamento si rendeva necessario rispettare le procure di autorizzazione, delega e le policy di sicurezza per garantire la protezione delle informazioni. Piteco CBC ha soddisfatto questi requisiti digitalizzando e gestendo in una piattaforma dedicata tutte le procedure di pagamento, garantendo il rispetto delle policy aziendali e mantenendo inalterati i poteri autorizzativi delle direzioni aziendali coinvolte.
Lo standard di security desiderato dalla Tesoreria del Gruppo Helvetia si attestava a un livello molto alto: evitare la concentrazione in un’unica figura di attività di enorme responsabilità ed evitare la modifica, a fini fraudolenti, di tabelle e dati sensibili. Piteco ha soddisfatto queste esigenze attivando la funzionalità di “doppio amministratore” in modo tale che le operazioni effettuate dal primo amministratore venissero poste in stato di attesa per essere poi validate o rifiutate dal secondo amministratore.

Spariti i libri firma e i supporti cartacei, digitalizzato l’archivio e schedulate gran parte delle attività manuali ripetitive: alle 7 di mattina i dati sono già lavorabili sui sistemi di Tesoreria. I miei collaboratori ne hanno beneficiato in termini di recupero di tempo destinato ora ad attività ad alto valore aggiunto: fine tuning, gestione delle anomalie e controllo dei processi.

API, check IBAN e informativa intraday così portiamo innovazione nella gestione dei pagamenti in ambito Insurance

La grande capacità di customizzazione della soluzione adottata ha consentito al Gruppo Helvetia di implementare nuove modalità di pagamento rese disponibili dagli lstituti Bancari e di offrire una migliore customer experience ai propri clienti. Ad esempio, l’attivazione del bonifico in circolarità – una soluzione flessibile che consente anche la liquidazione in contanti – ha consentito di azzerare le frodi riducendo nel contempo gli oneri bancari. A breve, inoltre, sarà resa disponibile la soluzione B2P Bancomat Pay che consentirà di effettuare operazioni di pagamento instant -24/7 – fino a 10.000 euro utilizzando il numero del cellulare e il codice fiscale del beneficiario, con un livello di sicurezza ancor più elevato rispetto al normale Sepa Credit Transfer.

Grazie alla soluzione Piteco, la Tesoreria di Helvetia sarà presto in grado di utilizzare le più recenti innovazioni in termini di sicurezza dei pagamenti verso terzi. Mediante apposite API, a brevissimo, sarà possibile attivare una chiamata al sistema bancario per la verifica in tempo reale – per le banche che offriranno questo servizio – della congruenza tra il dato dell’IBAN e il codice fiscale del beneficiario.
Infine, per garantire il rispetto dei limiti stabiliti dalle policy di gestione del rischio di liquidità, sia a livello locale che di Gruppo e il controllo degli effetti generati in termini di assorbimento di capitale (rif. Solvency II), Piteco consentirà alla Tesoreria di Helvetia di gestire, in aggiunta all’usuale canale CBI, gli estratti conto giornalieri in formato Swift MT942.

Settori